Pagus

Dichiarazione Età

I declare that I am of the age required by law for the purchase of alcoholic beverages.

Dichiaro di avere l’età richiesta dalla Legge per l’acquisto di bevande alcoliche.

Confirm

This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies.
Please read our cookie notice for more information on the cookies we use and how to delete or block them.

Sfumature di Valpolicella: Pietra di Prun

Sfumature di Valpolicella: Pietra di Prun

06 July 2021

La pietra più preziosa della Lessinia

Fin dalla preistoria, nell'alta valle di Negrar, le genti della Valpolicella utilizzavano, estraevano e lavoravano un particolare tipo di pietra per costruire abitazioni e utensili: la “pietra di Prun”. Prende il nome dal luogo della grotta principale, anche se oggi è meglio conosciuta come “Pietra della Lessinia”, così come la zona montuosa che circonda Verona da cui è originaria. La particolare conformazione di questa pietra permette una facile estrazione di lastre, localmente dette “lastame”. La vena è ben visibile in vari punti, dove emerge letteralmente dal terreno.

Per quanto nota e utilizzata già da secoli, la prima testimonianza ufficiale di una cava in questa zona risale al 1204. Lungo la scarpata rocciosa che risale i fianchi occidentali dell'alta valle di Negrar, furono scavate una serie di aperture che celano importanti testimonianze della cultura estrattiva veronese. Si tratta di vere e proprie opere monumentali — quasi maestose basiliche rupestri — realizzate da anonimi scalpellini che, nel corso dei secoli, hanno estratto e lavorato il calcare dalla roccia viva. Questo è il motivo per cui si può sostenere che non sono stati solo gli uomini a modificare il paesaggio circostante, ma anche il paesaggio a modificare gli uomini e la loro cultura.

Valpolicella - Prun stone cave
Valpolicella - Cave di pietra di Prun

Rosa chiaro, proprio come il vino rosé

La pietra di Prun è di origine calcareo-marmosa e i suoi colori, visti i 73 strati di cui è composta, vanno dal bianco, al rosa tenue, al rosa acceso, colore che ricorda agli amanti dei vini rosati, i vini più delicati prodotti in Valpolicella. In origine questa particolare pietra veniva utilizzata localmente per creare utensili e ripari, successivamente per costruire muri difensivi e pavimenti di capanne, case e tetti, stalle e fienili, bacini e ghiacciaie, quindi per pavimentare aie e piazzali.

Veniva utilizzata e scolpita anche per creare capitelli ed elementi architettonici per le chiese locali. Gli esempi più celebri sono San Giorgio a Sant'Ambrogio, San Giovanni (in cima al monte Loffa), San Marco in Valgatara. Nel tempo la pietra di Prun divenne pregiata e molto ricercata: durante il Medioevo veniva trasportata via terra fino al fiume Adige, poi trasportata per via d'acqua a Verona e in molte città della pianura padana, dove veniva utilizzato per realizzare edifici e pavimentazioni. La bella tonalità rosata della pietra di Prun colora ancora oggi la pavimentazione di Via Mazzini, accanto a Piazza Bra, nel cuore antico di Verona.

Valpolicella - Prun stone layers
Valpolicella - strati di pietra Prun

Un tesoro tutto da scoprire

Sapevi che ogni singolo strato di pietra di Prun è stato nominato dai cavatori usando termini locali? Descrivono il loro colore, spessore, uso comune, posizione, facilità o difficoltà di estrazione e caratteristiche positive o negative. E che si può ancora viaggiare nel tempo visitando le “preare”, una serie di maestose grotte abbandonate nei pressi di Negrar? E che puoi ammirare i fossili scoperti nell'argilla che separa gli strati di pietra di Prun nel Museo Preistorico e Paleontologico di Sant'Anna di Alfaedo?

Partecipa a uno dei nostri tour in Valpolicella e assicurati di chiederci della pietra di Prun. Ti condurremo alla scoperta di questi affascinanti tesori nascosti della Valpolicella!

Prun marble Pagus

Lascia un commento

Leggi altre news

Resta in contatto