Pagus

Dichiarazione Età

I declare that I am of the age required by law for the purchase of alcoholic beverages.

Dichiaro di avere l’età richiesta dalla Legge per l’acquisto di bevande alcoliche.

Confirm

This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies.
Please read our cookie notice for more information on the cookies we use and how to delete or block them.

Custoza

Custoza

Custoza è il nome di un borgo situato su dolci colline moreniche, tra la città di Verona e il Lago di Garda.

Da questo comune, sede di due battaglie risorgimentali, prende il nome anche il vino Bianco di Custoza o Custoza DOC, un bianco fresco e dalla leggera aromaticità, che esprime l’unicità del territorio dal quale proviene.

I Castelli scaligeri di Valeggio e Villafranca, Villa Pignatti Morano e Villa Maffei Sigurtà, con il suo splendido giardino, oltre che Borghetto sul Mincio, uno dei borghi più belli d’Italia, con i mulini e le rocche del ponte Visconteo, sono solo alcune delle bellezze storico artistiche della zona di Custoza.

La DOC Custoza si estende per 8200 ettari distribuiti in 9 Comuni veronesi. I vigneti si trovano in zone collinari, originate da quello che prima di essere il Lago di Garda, era un esteso ghiacciaio. Il lago influenza questa zona ancora oggi, garantendo un microclima ideale per coltivazione della vite e un’escursione termica essenziale per lo sviluppo degli aromi fruttati e florali.

Il vino Bianco di Custoza tradizionale ha un colore giallo paglierino, presenta un profumo delicato, floreale, fruttato e leggermente aromatico, risulta sapido e delicatamente morbido al palato. L’invecchiamento ne esalta le sfumature speziate e le note di frutta matura.

Si possono trovare anche le varianti Custoza Superiore, Custoza Spumante e Custoza Passito.

I vitigni utilizzati sono gli autoctoni Garganega per il 20-40% (floreale e fruttata), Trebbianello per il 5-30% (biotipo locale del tocai friulano) e Bianca Fernanda per lo 0-30% (leggermente aromatica).

Da disciplinare è consentito utilizzare anche altri vitigni come Trebbiano nella percentuale del 10-45% e malvasia, riesling italico, Pinot bianco, Chardonnay e Manzoni Bianco per lo 0-30%.

Il Custoza DOC si accompagna con piatti di pesce, crostacei, carni bianche e risulta perfetto con i tipici tortellini di Valeggio.

Visitare il territorio di Custoza sarà un’occasione unica per immergersi anche nella storia di questi luoghi, costellati da resti romani, Pievi romaniche e testimonianze della storia Risorgimentale italiana, come il celebre Ossario di Custoza.

Il Custoza così giovanile e brioso saprà conquistarvi, siete pronti per partire con noi?

Newsletter