This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies.
Please read our cookie notice for more information on the cookies we use and how to delete or block them.

CORTE QUAIARA | Attese e Sfide – Expectations and Challenges

July 14 2021

CORTE QUAIARA – Attese e Sfide

[scroll down for English]

Quando cominci ad approcciarti al mondo del vino, una delle prime cose che impari è capire il ruolo della natura nella vita di un vignaiolo. Cominci a renderti conto che lo stesso vino non può essere uguale tutti gli anni: anche se la cantina è la stessa, il produttore, l’uva, il vigneto sono gli stessi.

Lo sa bene Giovanni Montresor, della cantina Corte Quaiara, quando presentando la sua azienda di San Giorgio in Salici. Giovanni dice che la natura ci insegna l’attesa, che i vini non riescono sempre come lui si intende, che per fare grandi vini bisogna saper aspettare.

I vigneti di Corte Quaiara si trovano sulle colline moreniche vicine al Lago di Garda. Sono terreni disegnati dai ghiacciai che li hanno lasciati ricchi di minerali, ma con pochi nutrienti: cosa che spinge la vigna a dare il meglio di sé per i propri grappoli.

Le uve coltivate sono scelte con coraggio, perché sono a volte inconsuete per il territorio in cui si trovano. Sono certamente frutto della visione del lavoro di vignaiolo che ha Giovanni: il vino è prodotto della natura assieme alla volontà dell’uomo, che deve lavorare bene su ogni vino, per tirar fuori il meglio da quell’annata.

Le bottiglie riportano in etichetta il simbolo che aveva scelto il nonno di Giovanni negli anni ’60: la quaglia, legata all’azienda ed al territorio.

Una delle etichette che rappresenta la sfida che porta avanti Giovanni, è Pinuàr: la sua interpretazione del Pinot Nero sui terreni della sua azienda. Una produzione di 50 quintali per ettaro, maturazione in acciaio e barrique e tonneau per 18 mesi e affinamento di un anno in bottiglia.

Si tratta di un vino elegante, da servire dopo averlo aperto per qualche ora, ad una temperatura tra i 16 e i 18 gradi. Un vino disponibile presso il nostro shop, da degustare sapendo tutta l’attesa e la voglia di migliorarsi che c’è in ogni bottiglia.

COURT QUAIARA – Expectations and Challenges

When you begin to approach the world of wine, one of the first things you learn is to understand the role of nature in a winemaker’s life.
You begin to realize that the wine cannot be the same every year, even if the winery is the same, the producer, the grapes, the vineyard are the same.

Giovanni Montresor, of the Corte Quaiara winery, knows this well when presenting his company, in San Giorgio in Salici. He says that nature teaches us to wait, he says that wines do not always come out as he intended, he says that to make great wines, one must knowing how to wait.

Corte Quaiara vineyards are located on the morainic hills near Lake Garda. They are on lands designed by glaciers that have left them rich in minerals, but with few nutrients. This pushes the vineyard to give the best for its grapes.
The grapes are chosen with courage, because they are sometimes unusual for the territory in which they are found. They are certainly the result of Giovanni’s vision as a winemaker: wine is a product of nature together with the will of man, who must work well on each wine, to bring out the best from every vintage.

The bottles bear on the label the symbol that Giovanni’s grandfather had chosen in the 1960s: the quail, bounded to the company and the territory.
One of the labels that represents the challenge that Giovanni carries out is Pinuàr: his interpretation of Pinot Noir on the land of his company. A production of 50 quintals per hectare, aged in steel, barrique and tonneau for 18 months and refining for one year in the bottle.
It is an elegant wine, to be served after having opened it for a few hours, at a temperature between 16 and 18 degrees. A wine available at our shop, to be tasted knowing all the waiting and the desire to improve that there is in every bottle.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *