Pagus

Dichiarazione Età

I declare that I am of the age required by law for the purchase of alcoholic beverages.

Dichiaro di avere l’età richiesta dalla Legge per l’acquisto di bevande alcoliche.

Confirm

This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies.
Please read our cookie notice for more information on the cookies we use and how to delete or block them.

Prosecco

Prosecco

La storia del Prosecco inizia a Conegliano Valdobbiadene, un territorio collinare di rara bellezza che si trova a 50 km da Venezia e 100km dalle Dolomiti, dove l’uomo da secoli, si dedica alla viticoltura creando un paesaggio unico, divenuto nel 2019 Patrimonio dell’umanità UNESCO.

Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) è la garanzia che ogni singola bottiglia proviene da una zona che coinvolge solo 15 comuni compresi tra le due capitali produttive del Prosecco: Conegliano, con la prima Scuola Enologica d’Italia e con il primo Istituto Sperimentale per la Viticoltura, e Valdobbiadene, con la maggiore concentrazione di vigneti di alta collina.

Per la produzione del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG sono ammesse solo le seguenti varietà di uve: Glera per un minimo dell’85%, varietà locali (Verdiso, Bianchetta, Perera e Glera Lunga) o internazionali (Pinot e Chardonnay) fino ad un massimo del 15%. La produzione del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG avviene secondo il disciplinare che regola la produzione delle uve, la loro fermentazione e la successiva naturale “presa di spuma”. Lo spumante in questa zona è solitamente prodotto con il «Metodo Martinotti» che prevede la rifermentazione in autoclave e permette di esaltare i profumi primari e secondari, gli aromi fruttati e floreali, conservando l’eleganza, la vitalità e la freschezza del vino. Non mancano però produttori che producono un Prosecco con Metodo Classico –rari- o con la rifermentazione in bottiglia – Prosecco Colfondo-. Il Conegliano Valdobbiadene si può degustare nelle versioni Extra Brut, Brut, Extra Dry e Dry, che si distinguono per il residuo zuccherino

Il nome del territorio - Conegliano Valdobbiadene - deve comparire in etichetta ed essere riportato in primo piano. Possono essere indicati entrambi i nomi o solo uno e possono essere seguiti dalla parola Prosecco accompagnata, nel caso dello spumante, dall’aggettivo Superiore. In percentuali molto minori rispetto allo spumante, il Conegliano Valdobbiadene è infatti prodotto anche nelle tipologie Frizzante e Tranquillo. In questo caso il termine Prosecco non è seguito dall'aggettivo Superiore.

Nel 2009, il Ministero dell'Agricoltura classifica questa zona come Denominazione di Origina Controllata e Garantita (DOCG) massimo livello qualitativo italiano. Ad essa si affiancano la DOCG Asolo e la DOC Prosecco, estesa su 9 province di Veneto e Friuli Venezia Giulia, creata per proteggere il patrimonio viticolo del Prosecco e tutelarlo nel mondo.

Sei pronto a scoprire questo fantastico territorio dagli splendidi paesaggi e ad assaggiare le bollicine più famose del mondo? Prenota uno dei nostri tour con partenza da Verona, Venezia o altre città del nord Italia. I nostri tour si svolgono solo nella zona storica e più caratteristica di Conegliano Valdobbiadene ed in particolare visiteremo la zona del Cartizze, una collina piccolissima di 108 ettari – ovvero di solo 1 km quadrato di superficie – nel cuore di Valdobbiadene dove si produce il Prosecco DOCG Superiore di Cartizze che rappresenta la versione più esclusiva, l’apice qualitativo del mondo del Prosecco.

Newsletter