Pagus

Dichiarazione Età

I declare that I am of the age required by law for the purchase of alcoholic beverages.

Dichiaro di avere l’età richiesta dalla Legge per l’acquisto di bevande alcoliche.

Confirm

This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies.
Please read our cookie notice for more information on the cookies we use and how to delete or block them.

Le migliori esperienze che puoi vivere a Verona (parte 2)

Le migliori esperienze che puoi vivere a Verona (parte 2)

06 July 2021

Verona quando ancora non era Verona

“De summo montis Castrum prospectat in urbem | daedalea factum arte viisque tetris | nobile, praecipuum, memorabile, grande theatrum, | ad decus extructum, sacra Verona, tuum. | Magna Verona, vale, valeas per secula semper | et celebrent gentes nomen in orbe tuum.”

(“Dall'alto del colle il Castello guarda avanti, verso la città, al grande, nobile, distinto, memorabile teatro fatto con arte sì degna di Dedalus, con oscure gallerie, fatte per onorarti, santa Verona. Grande Verona, addio, vivi per sempre nei secoli a venire e che tutte le persone celebrino il tuo nome in tutto il mondo” - Iconografia Piuttostoziana, da una copia del XVIII secolo di un manoscritto perduto del X secolo circa)

Prima di trasformarsi nella meravigliosa città d'arte che oggi conosciamo e amiamo, la terra che ha dato vita a Verona era la casa di popolazioni preistoriche: un insediamento ritrovato a Quinzano (una frazione del comune di Verona) risale a mezzo milione di anni fa. I primi veronesi abitavano in un'area tra Ponte Pietra e la collina antistante, lungo l'antica via commerciale del sale e dell'ambra, che saliva verso la Germania. Il “certificato di nascita” ufficiale di Verona è datato 49 a.C., quando salì al rango di Municipium, ovvero di città: i romani costruirono mura, strade e fogne, e annotarono questo evento con un'iscrizione su Porta Leoni, una delle porte della città.

In epoca romana Verona crebbe e divenne una splendida città, ricca di monumenti, alcuni dei quali ancora oggi visibili. Durante il nostro nuovo wine tour “Walk and Taste in Verona”, prima di raggiungere l'enoteca Symposio – una delle sale di degustazione più innovative d'Italia – una guida autorizzata vi mostrerà questi magnifici resti romani, partendo da uno piuttosto famoso...

Arena di Verona

L'Arena, il cuore della città

È il quarto anfiteatro romano più grande del mondo antico e nei suoi 2000 anni l'Arena di Verona ha visto incontri di gladiatori, corride, mongolfiere ed esecuzioni (alle quali partecipò anche Dante) e persino il Buffalo Bill's Wild West Show! Oggi è un palcoscenico d’eccezione per opere liriche e concerti musicali, in grado di ospitare fino a 10000 persone.

 

Fu costruito nel I secolo a.C. fuori dai confini della città, utilizzando marmi locali e nel 265 fu incluso all'interno delle mura di Gallieno, che ancora si possono vedere alle sue spalle. L’anfiteatro era avvolto da tre file di archi sovrapposte, che crollarono quasi interamente durante il terremoto del 1117: una piccola sezione di esse - la cosiddetta "ala" - sopravvisse alla catastrofe, lasciandoci immaginare l'aspetto maestoso che il monumento poteva avere in origine.

 

Una leggenda medievale racconta un'altra storia: un gentiluomo veronese fu condannato a morte; per avere salva la vita promise al governo della città di costruire in una notte, un edificio gigantesco, in grado di contenere l'intera popolazione. Per portare a termine questo immenso compito, chiese l'aiuto del diavolo, dandogli in cambio della sua anima. Il diavolo mise allora all’opera tutti i suoi demoni, che iniziarono la costruzione dell’edificio. Accadde però che il gentiluomo si pentì di questo patto e così chiese aiuto alla Vergine Maria. La quale facendo sorgere il sole due ore prima, interruppe il lavoro dei diavoli che dovettero lasciare incompiuto il livello superiore.

Arena Verona

Arena di Verona - l'ala

Suggerimento per appassionati: non perdere la stagione lirica! Si tiene ogni estate e vengono messe in scena numerose opere liriche sotto le stelle, per un totale di 150 musicisti, 200 membri del coro, 100 ballerini e 200 comparse, un'esperienza indimenticabile! All'arrivo riceverete un “mocoleto”, una piccola candela: a ricordo delle candele che vennero usate dal pubblico per leggere il libretto, durante la prima esecuzione dell'Aida di Verdi nel 1913.Una tradizione che brilla ancora!

Arena Verona

Arena di Verona - Aida

Resta sintonizzato per saperne di più sulla nostra meravigliosa città, e assicurati di prenotare il tuo posto nel nostro “Walk and taste in Verona tour” (nato in collaborazione con le guide Colors of Italy e l'enoteca Symposio) per scoprire Verona e degustare fantastici vini accompagnati da antipasti, affettati e formaggi locali.

Lascia un commento

Leggi altre news

Resta in contatto